home page

ClinicaVeterinaria .org - Forum dedicato alla salute e al benessere degli animali

cane_Salute e benessere | _Comportamento | _Cani di razza gatto _Salute e benessere | _Comportamento animali esotici _Animali esotici e nostrani
_I diritti degli animali _Adozioni _I nostri Pets _Varie | _Riservata
User:    Pass:    (Registrati)
  
  »  Il comportamento del cane  »  Noelle non vuole entrare in casa - Discussione n° 100531 - (p)Link

   Noelle non vuole entrare in casa
Autore
Inizio discussione    ( Risposte ricevute: 3 )
Noelle
Registrato dal: 12-08-2018 | Messaggi : 2 0    Post Inserito 20-11-2018 alle ore 19:34   
 OFF-Line
Gentili utenti,

innanzi tutto mi scuso in anticipo per la lunghezza di questo intervento, ma vorrei essere quanto più chiara ed esaustiva possibile.
La mia Noelle mostra un comportamento strano. Qualche premessa:
Noelle è arrivata in casa nostra un anno fa, è una trovatella adulta (circa 4-6 anni, secondo il veterinario), meticcia, sterilizzata. Probabilmente, ha vissuto un periodo di randagismo.
E' schiva, si spaventa facilmente e capita che mostri comportamenti aggressivi con gli altri cani (più minacce, che attacchi veri e propri). Tuttavia, con noi è affettuosa e dolcissima.Ha un grande giardino tutto per lei e, in genere, nelle notti invernali la facciamo dormire in casa. Lei è sempre stata contenta di stare con noi all'interno dell'ambiente domestico, si rilassava sul suo cuscino e dormiva tranquilla tutta la notte. Anzi, quando scendeva la sera era lei che ci veniva a chiamare per poter entrare.
La situazione è cambiata questa estate, quando abbiamo accolto in casa un altro trovatello, un cucciolo maschio di due mesi (adesso ne ha 7). Nel complesso, i due vanno molto d'accordo, giocano, passano il tempo insieme, e Noelle mi sembra anche piuttosto sollecita nei confronti del piccolo. Solo che, da quando è arrivato il cucciolo, lei non vuole più entrare in casa. Sembra che l'ambiente la innervosisca e freme sempre per uscire. Abbiamo provato ad attirarla con premi e carezze, ma niente, si va a rifugiare lontano da ingressi e finestre.
Non riusciamo a capire il perché di questo cambiamento repentino. O meglio, sappiamo che il cucciolo deve aver sconvolto la sua routine, e del resto lei stessa si stava ancora abituando a noi quando abbiamo preso il nuovo inquilino. In questo senso, forse il nostro tempismo non è stato eccezionale. Sarebbe stato meglio aspettare, ma non sapevamo di scatenare un effetto simile.
Ora, non so se le serva ancora del tempo (il cucciolo è con noi da soli 4 mesi), ma mi chiedo cosa fare a questo punto. Quando fa freddo o il tempo è particolarmente brutto, tendiamo a farla entrare anche se non vuole. Si trova a disagio, ma appena ce ne andiamo prende posto sul cuscino e dorme insieme al piccolo (nella stanza stanza, non sullo stesso cuscino, anche se è capitato pure questo).
La mia domanda è: facciamo bene a obbligarla a stare in casa, se riteniamo che sia il caso? Non posso pensare che se ne stia sotto le intemperie, al freddo e al gelo; non è un lupo artico, è una cagnetta, anche se fuori, naturalmente, ha due cucce tra cui scegliere. E' meglio assecondarla e aspettare, oppure continuare a farla stare in contatto con la casa, benché lei non ne sia contenta? Inoltre, come mitigare questo suo disagio, e perché secondo voi ha sviluppato questa avversione?
Se poteste darmi qualche suggerimento, ve ne sarei molto grata. Sono pronta a rinunciare alla gioia di averla in casa con me, non voglio essere oppressiva con lei, credo che abbia già sofferto molto. Ma se il problema si può risolvere, allora tanto meglio: lei sta al caldo e all'asciutto e io sono felice!
Attendo qualche vostro cortese riscontro. Grazie infinite a tutti


0 
 Profilo  Citazione  
lillina | CV STAFF
Registrato dal: 15-04-2006 | Iscritto al CV Forum Club | Messaggi : 51836 1498    Post Inserito 20-11-2018 alle ore 20:43   
 OFF-Line
scrivi .....ma appena ce ne andiamo ......dorme ....ecc ecc

spiega meglio

ha sicuramente un disagio nato dall'arrivo del cucciolo ,ma probabilmente c'è qualcosa che non è ancora risolto nel rapporto con voi umani
vista la vita pregressa ,presumo che i suoi timori verso gli umani non siano ancora superati idem verso i suoi simili

sarebbe preferibile che viva in casa e non all'aperto non solo per fatti climatici ,ma per abituarsi alla convivenza anche col nuovo arrivato giorno e notte

vi siete rivolti ad un educatore x esporre il problema che è nato ??




0 
 Profilo  Citazione  
Noelle
Registrato dal: 12-08-2018 | Messaggi : 2 0    Post Inserito 21-11-2018 alle ore 11:39   
 OFF-Line
"Appena ce ne andiamo" significa: finché giriamo per il salone o per casa, lei se ne va da una parte all'altra della stanza, si mette davanti alle finestre e aspetta di poter uscire. Ma quando ci ritiriamo ognuno nelle proprie camere e lei rimane sola col cucciolo, probabilmente si rassegna e si mette a dormire.
Che abbia dei problemi irrisolti anche con gli umani è chiaro. E' timorosa perché probabilmente è stata picchiata in passato, ma è sempre felice in nostra compagnia e, fuori di casa, trova tutte le scuse per farsi coccolare e starci vicino. Insomma, di sicuro l'hanno maltrattata, però con noi non si comporta come un cane che vuole isolarsi. La nostra compagnia la cerca, non la evita. Il problema sorge solo in casa, e siamo inclini a pensare che il punto sia proprio il cucciolo.
E' possibile che abbiano rispettivamente stabilito dei territori e che lei ritenga che la casa appartenga al cucciolo? Non saprei.
Sicuramente, sì, dovremo sentire anche un educatore. null


0 
 Profilo  Citazione  
lillina | CV STAFF
Registrato dal: 15-04-2006 | Iscritto al CV Forum Club | Messaggi : 51836 1498    Post Inserito 21-11-2018 alle ore 21:01   
 OFF-Line
credo che tu stessa abbia individuato il problema

rivolgiti ad un educatore


per mia esperienza diretta abbiamo adottato da canile lager un cane femmina, un lagotto
che è con noi da un anno e mezzo

estremamente timorosa , non si approccia con facilità con gli umani ,
mentre con i suoi simili ha un rapporto abbastanza equilibrato o li evita o ci gioca a seconda della simpatia reciproca
Non è aggressiva ,ma sempre in allerta
Teme il traffico rumoroso e detesta i BUS che passano

ha fatto passi da gigante rispetto ai primi tempi e il rapporto in casa con noi è perfetto

sta in casa da sola ,è affettuosa e coccolosa
abbaia se suonano alla porta ,ma ci sta

io ho sempre avuto cani ....muti ....


Non abbiamo altri animali in casa quindi si è impossessata del territorio casa terrazza giardino senza traumi
vive in casa
esce a passeggio ,scende in giardino se vuole

credo che la pazienza sia un'arma infallibile
vedi di abituarla a stare anche in casa ,a poco a poco la sua cuccia, cuscino o cesto insomma cio' che usa in casa come rifugio le darà sicurezza
e fatela giocare col cucciolotto in casa ,sicchè il gioco i premietti e la compagnia diventino parte della sua vita

e poi passeggiate per strada con voi e il ..fratellino ..
deve sentirsi parte di un branco ,ma il capobranco sarà uno di voi
su questo non si transige


spero si colleghi Pappagalli che è molto esperta


0 
 Profilo  Citazione  
Chi siamo - Contatti - Area amministrazione - Regolamento
ClinicaVeterinaria.org utilizza cookies come previsto dai termini, condizioni di utilizzo


Generazione pagina: 0.956 Secondi